L’ITALIANO CLASSI OLIMPICHE SUL GARDA LOMBARDIA

L’ITALIANO CLASSI OLIMPICHE SUL GARDA LOMBARDIA

11-14 settembre a Gargnano, Univela Campione, Toscolano-Maderno e Salò

In piazzetta a Bogliaco di Gargnano si respira ancora l’aria della Centomigia, mentre in piazzetta a Bogliaco, al Marina, nei porti di Canottieri Garda Salò (Parasport) e di Univela Campione (Surf e Kite), si succedono gli arrivi degli equipaggi e delle imbarcazione dei prossimi Campionati Italiani delle classi Olimpiche, il Cico 2019 della Federazione Italiana della Vela, grazie all’organizzazione del Circolo Vela Gargnano, di Canottieri Garda, del Circolo Vela Toscolano-Maderno, di Univela Sailing. Si parte martedì sera (Le regate da mercoledì) stasera con la cerimonia di avvio, l’alzabandiera delle Nazioni presenti (ben 14), sul pennone più alto quella Italiana, quella Europea, quella della Regione Lombardia.
I ragazzi di casa sono pronti, giovanissimi esordienti come Guido Gallinaro e Margherita Porro, Michelle Waink, Annessi Pè, Torchio, Jimmy Togni che sarà a prua del 49Er di Uberto Crivelli Visconti. Molti altri e, in particolare, ci saranno anche equipaggi di vecchie glorie, nel 470 di quello che oggi è il progettista più apprezzato, Umberto Felci con Paolo Brichetti, i finnisti a partire dal Legend Bruno Fezzardi negli Over 70, poi i gardesani Umberto Grumelli e l’atleta di casa Nicola Menoni. In programma c’è venerdì 13 la premiazione delle Stelle Olimpiche con il Presidente Francesco Ettorre e la presenza del Presidente Coni, Giovanni Malagò. Nello scenario di Villa Bettoni Cazzago sfileranno gli atleti italiani che hanno conquistato una medaglia olimpica. Saranno Alessandra Sensini con le sue quattro medaglie (Oro a Sydney 2000, Argento a Pechino 2008 e Bronzo ad Atlanta 1996 e Atene 2004) nella classe Windsurf, Giorgio “Dodo” Gorla bronzo nella classe Star a Mosca nel 1980 e Los Angeles 1984, in equipaggio con il compianto Alfio Peraboni, Luca Devoti argento a Sydney 2000 nei Finn, Diego Paschetta Romero bronzo a Pechino 2008 nei Laser, ed i 90 anni di Giulio De Stefano bronzo nella classe Dragone a Roma 1960, quando corse in equipaggio con Antonio Ciciliano e Antonio Cosentino e l’oro andò a Costantino di Grecia. Sul Garda è sempre più vela globale. In azione le telecamere di Rai Sport e degli studenti dello Stars dell’Università Cattolica con il loro work shop dedicato ai Sognatori d’Olimpia.